Blog di Maurizio Ferraris - In cosa crede chi crede?
In cosa crede chi crede?    di Maurizio Ferraris


"...to obey is one thing, to believe is another... belief requires teachers and arguments drawn either from reason, or from some thing already believed."

Thomas Hobbes, An answer to a Book published by Dr. Bramhall..., English Works, IV p. 339.


Credenti e secredenti
(Articolo di apertura del blog)
Scarica il testo in formato DOC | Scarica il testo in formato PDF
[Feed (RSS): http://spazioblog.it/rss.php?w=babbonatale]

Adunate oceaniche

 

Ho appena finito di leggere Babbo Natale e per la prima volta mi è venuto il desiderio di scrivere qualcosa all'autore. Adesso in qualche modo mi è chiaro quel senso di fastidio che ho quando vedo le adunate oceaniche dei papa boys. Se questi ragazzi credono in un capo che differenza c'è fra loro e quelli in germania negli anni trenta? Quello che per me era solo un vago fastidio adesso mi sembra una triste realtà. Speriamo solo che non cambino capo.
Perchè potrebbero combinare di peggio.
Aspettando un altro libro dopo la Fidanzata,
cordiali saluti
Aurelio Aquilanti

 

01:20 PM - Dec. 3, 2007 - commenti {0}


Come volevasi dimostrare

 

Leggo in ritardo questa notizia uscita l'8 aprile nel blog di Ivo Silvestri:

 

“Maurizio Ferraris sarà contento: il curioso sondaggio da lui auspicato nelle pagine di Babbo Natale, Gesù Adulto. In cosa crede chi crede? è stato effettivamente condotto.

Il Giornale ha posto a 600 italiani alcune domande sulla fede cattolica. Domande semplici, dal dogma della immacolata concezione alla trinità passando per il credo e i nomi degli evangelisti. Il risultato è efficacemente riassunto nel titolo dell’articolo: Perché non possiamo dirci cattolici. La sacra ignoranza degli italiani.
Due piccoli esempi: ben il 23 percento ignora che oggi è il giorno della resurrezione di Gesù e solo il 37 percento degli intervistati crede nella resurrezione della carne (ma quest’ultima domanda è stata posta con un piccolo trabocchetto).

 

È proprio il caso di dirlo: Buona Pasqua?"

 

12:15 PM - Jun. 3, 2007 - commenti {2}


Enterprise

Con Armando Adolgiso, http://www.nybramedia.it

 

L’ospite accanto a me è Maurizio Ferraris. Professore ordinario di filosofia Teoretica nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Torino dove dirige il Centro Interuniversitario di Ontologia Teorica e Applicata (Ctao).

Avviso urgente: mi rendo conto che la dizione usata per presentare il mio ospite abbia un suono terroristico e, comprensibilmente, può indurre più d’uno a darsi alla fuga.

Non fatelo!

Ferraris è uno capace di rendere chiare perfino le più ermetiche battute comiche del senatore Guzzanti. E’ tra i pochi ad occuparsi di cose serissime con un taglio per nulla accademico, con una raffinata vena di umorismo. Del resto, ve ne accorgerete fra breve.

Ha un cursus honoris di primo piano, ha scritto più di trenta libri, roba che se li citassi tutti faremmo notte. Perciò v’invito a cliccare sul suo sito web dove troverete biografia e bibliografia.

Lo spunto per quest’incontro – nel mese che i Terrestri chiamano aprile dell’anno 2007 – nella taverna spaziale dell’Enterprise è dato da un suo libro pubblicato da Bompiani: Babbo natale, Gesù adulto. In che cosa crede chi crede.

Per l’indice e le recensioni finora ottenute, cliccare qui.

L’editore avverte che le pagine sono stampate su carta riciclata senza cloro, ma se è vero, e lo è, che la pubblicazione del volume non ha comportato il taglio di un solo albero, è altrettanto vero che tante teste cadono tagliate dall’affilata penna di Ferraris che decapita nomi di ieri e di oggi rifiutando cloro e clero.

Si tratta di un titolo imperdibile che affascina – e diverte – dalla prima all’ultima pagina interrogandosi non solo sulla nozione di sacro, ma anche e soprattutto chiedendosi se è vero che chi crede sia uno che crede. Chi sono i credenti?

“I credenti” – scrive Maria Turchetto recensendo il libro – “oggi credono in qualcos'altro […] non nel Dio Nascosto, ormai troppo vago per dare contenuto a una credenza, ma – osserva Ferraris – nel Papa Televisibile, storicamente e geograficamente determinato e per di più - se è un buon papa - carismatico: un leader per cui si può tifare e a cui si possono delegare le decisioni in materia di morale e - perché no? - di politica […] ora vi lascio soli a percorrere il sentiero argomentativo del libro, ricco di spunti e di personaggi curiosi, da Sant'Agostino alla Fattucchiera Nocciola, passando per Meister Eckhart, Papa Ratzinger, Woody Allen, Immanuel Kant, Lucio Dalla, Richard Rorty, Marcello Pera e tanti altri”.

 

Benvenuto a bordo, Maurizio…

 

Ferraris. Grazie dell’invito. Siamo in Cielo, è così?

 

Ehm… diciamo nello Spazio, lo preferisco.

Sabrina Iasillo, celeste sommellier dell’EnotecaBistrot Uve e Forme mi ha consigliato d’assaggiare durante la nostra conversazione nello Spazio questo vino prodotto dall’Azienda Agricola Palazzone: Orvieto Classico Superiore “Campo del Guardiano” 2002, leggo le sue parole inviatemi in Spacefax…”Le vigne in località Rocca Ripesena, guardano la rupe di Orvieto. Per il vino non c’è fretta; l’aria è quieta, il terreno pieno di vita. Il produttore osserva e vigila. Adesso è il momento. Il tempo non ha sottratto al vino la sua vibrante freschezza, ma solo aggiunto un lungo passato da raccontare”.

Fin qui Sabrina Iasillo… qua il bicchiere.

Adesso ascoltami: il Capitano Picard è bravissimo, per lodarne la guida, a Roma direbbero “è un bel manico”, però noi nello spazio stiamo, schizziamo ”a manetta”, prudenza vuole che tu trasmetta sulla Terra, come sempre chiedo iniziando la conversazione con i miei ospiti, il tuo ritratto… interiore…insomma, chi è Maurizio secondo Maurizio …

 

Ferraris. Un professore di filosofia, il titolare di una patente di guida, uno che, nella misura del possibile, cerca di trattare con lievità le cose serie invece di dire baggianate con un’aria serissima, che è un atteggiamento più diffuso di quanto non si pensi.

 

Prima di parlare del tuo recente libro, voglio chiederti: qual è il significato positivo sul quale riflettere oggi circa un’etica senza dio?

 

Ferraris. Il significato più positivo, mi sembra, sta nel fatto che si capisce (meglio tardi che mai) che un’etica con Dio è un controsenso, perché riduce il mondo a una sorta di aula delle elementari con il Preside e la Maestra lassù che comandano, e il Capoclasse quaggiù che controlla, punisce e premia. Oggi il Capoclasse è Ratzinger, che ha tirato fuori persino l’inferno, e su tutta la faccenda aleggia un clima da comica finale.

 

Ora alcune domande orientate su "Babbo Natale, Gesù Adulto. In cosa crede chi crede".

Allo stadio, nei rari momenti in cui non si accoppano o tentano di farlo, inalberano cartelli con su scritte, ad esempio: “La Schifatese è una fede”, oppure “La Schifatese non si discute, si ama”.

Quei tifosi mi autorizzi a paragonarli ai fedeli oppure no?

 

Ferraris. Sì, con una differenza. Che loro della Schifatese sanno tutto, vita morte miracoli. Mentre i credenti non sanno quasi niente, o spesso niente del tutto, dell’oggetto della loro fede. E nei casi in cui lo sanno, non ci credono.

 

Nel dibattito sulle religioni, sia in pagine laiche sia in pagine confessionali, spunta spesso la frase sul “bisogno del sacro”, ma più procedono i tempi e più quel bisogno mi sembra diventi un bisognino.

Quella, vera o presunta, urgenza deriva dalla storia oppure dal nostro sistema nervoso centrale?

 

Ferraris. C’è chi dice che c’è una zona del sacro nel nostro cervello. Non lo so, non me ne intendo, forse ho una menomazione. Ma ammesso e non concesso che ci sia una zona del sacro nel nostro cervello, e riconosciuto il fatto, indubbio, che la storia è piena di religioni, non è un argomento a vantaggio della religione (e poi, quale? Cristianesimo? Buddismo? Satanismo?)

 

Riferendomi al cristianesimo, oggi più che di “ritorno della religione” mi sembra s’assista ad una religione di ritorno. Quest’ipotesi mi pare avvalorata da un tuo passaggio in cui scrivi che i nuovi credenti risultano molto diversi dai primi cristiani.

Quale la principale differenza al proposito che noti fra oggi e l’altro ieri?

 

Ferraris. Più che l’altro ieri, direi tanto tempo fa. I vecchi credenti, i credenti in buona fede, sono scomparsi con la rivoluzione scientifica. I vecchi credenti erano degli ingenui, che pensavano che Dio avesse creato il mondo in sei giorni. I nuovi credenti non credono a queste storie, ma pretendono di credere, il che, mi pare, equivale a essere in malafede, a credere di credere. Sì, è proprio una religione di ritorno, la gente pensa al ritorno, non necessariamente solo politico o economico, anche semplicemente di tranquillità, di pace dell’anima, che viene dalla conformità sociale, dal pensare (pubblicamente) come tutti. Il ritorno della religione è, a mio parere, nella stragrande maggioranza dei casi il piacere del conformismo, il pensare alla salute nel Paese del Fascismo, del Concordato, della Dc, e ora del cattolicissimo Berlusconi con tutte le sue mogli.

 

Scrivi nel tuo libro: “…i telegiornali ci danno notizie dell’avvenuto miracolo di San Gennaro con la stessa tranquilla sicurezza con cui parlano di incidenti stradali, al punto che quando i sopravvissuti dichiarano di essere ‘vivi per miracolo’, non si sa se metaforizzino o parlino alla lettera”.

Com’è potuto accadere ciò?

 

Ferraris. Risponderò con il vangelo di Giovanni citato da Leopardi all’inizio della Ginestra: “gli uomini preferirono le tenebre alla luce”. Che però, messa così, sembra la prevalenza del cretino.  La spiegazione che suggerisco nel libro è che abbiamo a che fare con una alleanza tra superstizione (tendenza mai morta nell’uomo), fastidio per la scienza, incapace di trasmettere certezze, e tecnologia a go go. Come risultato, si va dal medico, e ci si va in macchina, ma si tiene il santino di padre Pio, non si sa mai. Non dobbiamo illuderci sul fatto che il progresso tecnologico sia anche sviluppo razionale. Giorni fa viaggiavo su un volo easyjet proveniente da Parigi, le hostess vendevano ai passeggeri dei gratta e vinci, non si ha idea di quanti ne hanno comprati, e magari se li comprava anche il pilota.

 

Abbiamo cominciato questa conversazione su in cosa crede chi crede parlando dei tifosi, voglio concludere sul tuo libro con i cantanti. Ai cattolici mi pare avvenga quanto accadde a Caterina Caselli la quale ebbe un gran successo con “Sono bugiarda” ch’era la traduzione di una canzone di Neil Diamond intitolata però “I’m a Believer”.

Caterina confessa di mentire. E i cattolici (che in fatto di confessioni sono esperti) che fanno?

 

Ferraris. Di tutto un po’. Ci sono cristiani fervidi credenti (pochi), cristiani ipocriti (tanti), probabilmente anche cristiani matti, come in ogni risma di persone. La cosa interessante, però, è che se uno dice che tal dei tali, che è ateo, è anche matto, il messaggio che passa è semplicemente: “tal dei tali è matto”. Mentre se si dice che tal dei tali, che è cattolico, è anche matto, la Chiesa si indigna, e sostiene che si sta attaccando il cattolicesimo. Vogliamo ammettere che c’è un po’ di coda di paglia?

 

Come accennavo in apertura, fra i tuoi volumi di successo più recenti c’è “Dove sei? Ontologia del telefonino”, pubblicato da Bompiani nel 2005, libro che ti è valso il Premio Filosofico “Castiglioncello”.

A beneficio di coloro che non hanno fatto la scuola dell’obbligo, ‘ontologia’ (dal greco “óntos”, esistente e “lógos”, discorso) a farla semplice, è l’indagare su qualcosa.

E’ più giusto chiedersi “che cos’è” oppure “chi è” il telefonino?

 

Ferraris. Direi “cos’è”, perché resta uno strumento, che ci cambia la vita, ma uno strumento. A meno che qualcuno non decida che il telefonino è venuto sulla terra per redimere gli uomini dai loro peccati. A quel punto sarebbe un “chi”, proprio come Pinocchio, che da burattino è diventato uomo. Visto che ci sono Paesi in cui la gente si fa seppellire con il telefonino, che su Internet impazza il culto del Mostruoso Spaghetto Volante, e che le novene e le processioni vanno fortissimo, non mi sembra del tutto escluso che il culto prima o poi abbia inizio.

 

Prima di lasciare i miei ospiti di questa taverna spaziale, li costringo crudelmente a fare una riflessione su Star Trek, non necessariamente elogiativa… che cosa rappresenta quel videomito nel tuo immaginario? Ammesso che qualcosa rappresenti, s’intende…

 

Ferraris. Ho un problema enorme. Temo di non averlo mai visto, o solo a pezzetti, in documentari o dibattiti. Temo di averne solo sentito parlare. Insomma, il mio rapporto con Star Trek è come quello di un cattolico con la Bibbia. Non mi sento abbastanza competente per esprimere un parere.

 

Siamo quasi arrivati a M-Ferraris, pianeta ateo abitato da alieni che hanno sulle loro tombe tutti la stesso epitaffio scritto in latino Credo certo ne cras, cioè ‘Sono sicuro che non c’è domani’… se devi scendere, ti conviene prenotare la fermata. Stoppiamo qui l’intervista, anche perché è finita la bottiglia di Orvieto Classico Superiore “Campo del Guardiano” consigliata da Sabrina Iasillo dell’Enoteca Uve e Forme”  di Roma… Però torna a trovarmi, io qua sto… intesi eh?

 

Ferraris. Almeno su questo, sono convinto che un domani c’è. A presto, e grazie.

 

Vabbè, ti saluto com’è d’obbligo sull’Enterprise:: lunga vita e prosperità!

 

08:50 PM - Apr. 22, 2007 - commenti {1}


Babbo Gesù

intervista con Max Stèfani

 

Mucchio Selvaggio, n. 633, aprile ’07, pp. 96-99

 

Ultimamente le librerie sono sommerse da libri sulla religione cattolica. E¹ colpa del successo del Codice Da vinci, di una finalmente rinnovata curiosità dei credenti e degli atei verso un argomento fondamentale nella nostra storia o per l’intervento sempre più invasivo del Vaticano nella nostra vita privata? Tu fai notare che intorno al 1968 la religione appariva ai più come una forma di vita in sparizione.

 

Ferraris. Ovviamente, quanto ai motivi del ritorno dei libri sul cattolicesimo, è la terza che hai detto, l'invasività del Vaticano, e in particolare di questo Papa. Le chiese sono sempre più vuote, il comportamento dei credenti è uguale a quello dei non credenti, e persino la cattolicissima Spagna, alleata di Roma sin dal Cinquecento, è ora laicissima. Figuriamoci i paesi protestanti e i paesi ortodossi. Restano lontane colonie in Sud America e in Africa (dove però il cattolicesimo è spesso misto ad animismo: vi siete chiesti perché non c'è mai stato un papa nero, che pure sarebbe una mossa retoricamente grandiosa?). In Italia, poi, è finita la DC, e non è detto che risorga (per usare il lessico adatto all'occasione). Il Papa, allora, questo Papa, organizza la resistenza nel Bunker, e non va tanto per il sottile...

 

Tu ti poni una domanda interessante: “In un paese cattolico, in cosa crede chi crede? Non certo in un Dio nato da una donna, morto, risorto, ridisceso, risalito, uno e trino perché sarebbe come credere in Babbo Natale. Credono in colui che lo rappresenta, ovvero il Papà”. Però il concetto di base, al di là che credano più o meno a tutte queste storie, è che credono soprattutto nella vita dopo la morte, perché la base di ogni religione è il diniego di dover morire un giorno, di dover perire, sparire senza lasciare tracce e a tornare al nulla dal quale proveniamo.

 

Ferraris. Non credo che i cattolici siano più fiduciosi nella vita dopo la morte di quanto non lo siano i credenti di altre religioni, e di quanto non lo siano gli atei. Le spese mediche crescono, si smette di fumare, la vita media si allunga, molti eccellenti ospedali sono cattolici. Tutti segni del fatto che la sola cosa certa è questa vita. Se poi ce n'è un'altra, tanto meglio, si dicono i cattolici, ma non riescono a rappresentarsela (come si rinasce? A che età? In che forma?), e dunque non riescono a sperarla, visto che è una immagine vaga e vuota. Non riescono nemmeno a temerla --mi chiedo quanti dei preti colpevoli di reati di varia natura temano il giudizio di Dio.

 

Tu sostieni giustamente che la Resurrezione è la prova che Cristo non era uno dei tanti profeti, ma davvero il Messia, il figlio di dio e il re di Israele venuto a liberare i vivi e i morti. Non credere alla Resurrezione è far cadere qualsiasi differenza reale tra il Cristianesimo, l’Ebraismo e l’Islam. È la morte del Cristianesimo ridotto a burletta. Non credere nella resurrezione vuol dire non essere cristiani. Ma quanti oggi credono veramente che Gesù è risorto?

 

Ferraris. Appunto, non lo so. Mi sembra che siano pochi, e di questi pochissimi ci credono alla lettera. In questi giorni si è diffusa la notizia che a Gerusalemme è stata trovata la tomba di Cristo, con i suoi resti (dunque non sarebbe risorto). Quasi non se ne è parlato, mentre infuriavano i dibattiti sui Dico, per l'ottimo motivo che nessuno crede che Cristo sia davvero, letteralmente, risorto, e dunque il ritrovamento dei suoi resti non pare una notizia che meriti di essere confermata o contestata. È come se avessero trovato la tomba di Cristoforo Colombo in India: nessuno, tranne lui all'inizio, ha mai pensato veramente che quella che lui ha scoperto fosse l'India, quindi la notizia, se così posso dire, non fa notizia, e appare quasi come una bizzarria o come uno scherzo di cattivo gusto, uno scherzo da preti...

  

Che cosa favorisce l’impulso a credere in una religione? Dawkins sostiene che i bambini sono “programmati” in modo da avere fiducia innata in ciò che raccontano gli adulti: poiché gli adulti raccontano che dio esiste, i bambini ci credono e questa fede viene trasmessa di generazione in generazione.

Quando le varie parti si contendono la verità a forza di cifre, non si esita a dire che un bambino è cristiano o musulmano, quando nessuno si sognerebbe mai di dire che un bambino è keynesiano o marxista. Perché con la religione si fa un’eccezione?

 

Ferraris. “Se si racconta una storia, per quanto assurda o impossibile, a un bambino, e chi la racconta è qualcuno che lui considera infallibile (generalmente un genitore), la accetterà come verità rivelata e ne conserverà un ricordo immutato fino al momento in cui non sarà portato a rifletterci su. Il che può anche non succedere mai.” Questo lo ha scritto George Bernard Shaw, e si adatta magnificamente al cattolicesimo. Il momento può non venire mai, ma anche se viene è troppo tardi, per le statistiche sei cattolico. E io temo veramente che le statistiche, per la Chiesa, per questa Chiesa, siano la sola cosa che conta, come l'auditel per Pippo Baudo e Del Noce.

 

La Messa è qualcosa di diverso da una seduta spiritica. Come sostieni, era l’idea che i romani si erano fatti dei riti cristiani (“è vero che vi riunite per mangiare un morto?” Chiedevano i questori). È una conclusione logica e inevitabile, se non si prende sul serio l¹idea che Cristo sia veramente risorto.

 

Ferraris. Appunto. Come sai, lo spiritismo si diffonde nell'Ottocento, dopo il venir meno della fede nella resurrezione. Ci si accontenta di parlare con gli spiriti, visto che i corpi non si toccheranno più. Ora, compatiamo gli spiritisti, ci sembrano delle Vanne Marchi o dei Maghi Othelma, però le folle si radunano in Piazza San Pietro a sentire l'Angelus, e la politica deve fare i conti con quello che pensa un uomo che afferma  di credere che non solo gli spiriti, ma anche i corpi, riappariranno un giorno. Altro che le chiromanti, altro che i medium. La sola scusante, il motivo per cui si dà retta a quell'uomo, è che si ritiene che nemmeno lui ci creda davvero. Va bene. Ma, allora, da dove trae la sua autorità, visto che si dichiara vicario di Cristo, vicario di un uomo famoso e autorevole essenzialmente per essersi detto figlio di Dio e per essere risorto?

 

La fede è un affare di desiderio d’opium, di voglia di credere nei propri desideri piuttosto che la realtà? Magari Gesù era una brava persona, magari un po' spiritata (come del resto Paolo di Tarso) che ebbe guai con le autorità e perì sotto Ponzio Pilato, ma è più semplice farlo diventare un Dio. Certo sostenere che Dio si è incarnato e lo ha fatto per noi è narcisismo alle stelle.

 

Ferraris. Far diventare Cristo figlio di Dio non è una faccenda di tutto riposo, soprattutto se lo si vuol far diventare  Dio lui stesso pur restando monoteisti. Ci vuole molta fede, o molta incredulità e indifferenza. E il bello è che se uno va matto per Michael Jackson, senza ritenerlo Dio, è compatito...

 

Molti sostengono che i cristiani abbiano oscurato quasi 20 secoli di storia, creando il primo totalitarismo, concentrando tutti i poteri nella mani della chiesa che, in nome di un oscuro e ipotetico crocefisso, nato a Nazareth, ha ucciso, massacrato, deportato milioni di persone. Per la prima volta nella storia dell’uomo, la morte ha preso il sopravvento e il potere. Cosa ne pensi?

 

Ferraris. Non credo che sia la prima volta nella storia umana in cui la morte prende il potere, il potere ha avuto sempre a che fare con la morte. Non esagererei le responsabilità della Chiesa cattolica, questo erede in tono minore e su scala parrocchiale (è il caso di dirlo) dell'Impero Romano. Ovviamente, non ne esagererei nemmeno i meriti, come fanno tanti teocon in questi anni. Sulla faccenda degli eredi. Ci sono stati tanti eredi dell'impero romano, che so, anche il Sacro Romano Impero, che alla fine, diceva Voltaire, non era né sacro, né romano, né impero. Ecco, la chiesa di oggi mi pare nella stessa situazione, e se non se ne riconosce l'intima debolezza è perché non ha possessi territoriali o eserciti, e si limita a comportarsi in modo dispotico con Prodi e Berlusconi.

 

La fine dei grandi discorsi politici marxisti o social democratici, svaniti l’uno nel totalitarismo, l’altro nel liberalismo, lascia l’orizzonte intellettuale vuoto di senso, di prospettiva, di alternativa. Rimane il pensiero magico.

 

Ferraris. Quello c'è sempre stato, guardate i talismani, le lotterie... Più interessante, nello specifico italiano, è un altro caso: come c'erano i radical chic che si dichiaravano marxisti e vivevano nel più borghese dei modi, così oggi ci sono i teocon, in Italia, che si dichiarano devoti e atei insieme. Altrove non saprei. Ma il caso è interessante, perché teocon e radical chic hanno in comune il fatto che del problema del senso se ne infischiano bellamente, non sanno nemmeno cos'è, vogliono solo vivere bene. E come dargli torto? Solo che per farlo rompono le scatole a tutti, una volta dicendo "Né con lo Stato, né con le Br", oggi raccontando i loro "percorsi di fede", o i buoni motivi dell'ubbidienza al Papa, su giornali, giornalini e televisioni.

 

Come è possibile che nel 2006 in un paese “moderno” come l’Italia si possa credere ancora nei miracoli? Non trovi preoccupante che il Tg dia la notizia dello scioglimento del sangue di San Gennaro come fatto certo, accanto a un incidente stradale? Lavaggio del cervello?

 

Ferraris. No, potere della Chiesa, e sistematica intromissione nelle vicende dello Stato laico. Inoltre, nello specifico di San Gennaro, gusto mediatico dello spettacolare. L'infrazione di una legge fisica, anche se falsa, fa pur sempre notizia, è un po' come l'uomo che morde il cane.

 

 

Molti non sanno che per millenni c’era la proibizione di leggere la Bibbia, sia in ebraico o greco, ma anche nelle lingue volgari. La linea guida era quella che se dei laici leggono la bibbia succede come in Germania dove i contadini hanno mosso la guerra ai principi?

 

Ferraris. Non mi risulta che ci fosse questo divieto, e mi sorprenderebbe, sarebbe stato come invitare il gregge a non andare a controllare le fonti delle affermazioni dei pastori, e poi il divieto avrebbe suscitato un minimo di curiosità... Certo, però, i cattolici non hanno mai incoraggiato la lettura della Bibbia, e persino dei Vangeli. Sono sempre andati forti i catechismi, gli oratori e le novene. L'idea era che il vero rapporto di fede non era tra il credente e i libri sacri, ma tra i credenti e i preti, in quanto interpreti auto-autorizzati di quei libri.

 

Perché i paesi cattolici pullulano di miracoli e di miracolati, mentre quelli protestanti devono ripiegare su fantasmi, lupi mannari ecc.?

 

Ferraris. Appunto perché gli mancano i miracoli, i miracolati, i santi e i beati. Il che però la dice lunga sulla elevatezza della fede nei santi e nei miracoli. Dopotutto, c'è una vera differenza tra il credere che Padre Pio ha avuto le stigmate e il credere che a Loch Ness c'è un mostro marino?

 

Il filosofo francese Onfray sostiene che il Cristianesimo, con le altre religioni monoteiste, ci ha rovinato la vita. Sei d’accordo?

 

Ferraris. No, non sono d'accordo, Onfray esagera. Il Cristianesimo non ci ha rovinato la vita, semplicemente ha dato una mano, e robusta, alla nostra tendenza a rovinarcela. Altre religioni le conosco poco, ma per esempio non mi sembra che il Buddismo o lo Scintoismo rovinino granché la vita.

 

Sembra che in Europa si continui a sviluppare una tendenza all’illuminismo e al raziocinio scientifico, mentre in America e nel mondo islamico sia in corso un’esplosione di fanatismo teocratico. Sembra che i cristiani americani da una parte e i musulmani dall’altra stiano combattendo la medesima battaglia, in cui gli europei rimangono presi nel mezzo. Bush e Bin Laden sono dalla stessa parte: la parte della fede cieca e della violenza, contro la parte della ragione e della discussione. In Italia corriamo il rischio di staccarci dall’Europa?

 

Ferraris. No, perché il cattolicesimo italiano è solo di facciata, influenza politicamente vicende interne, ma al di là di quello non credo proprio che ci siano dei fanatici, almeno in massa. Questo appunto perché i cattolici, per quel che posso vedere, sono tutto sommato cinici e increduli. Se stanno male vanno dal medico, e sotto sotto sono convinti che Darwin abbia ragione. In questo sono diversi dai fondamentalisti, americani o islamici, che credono molto di più alle loro fedi, e dunque non credono a Darwin e gli contrappongono il Disegno Intelligente, o seguono delle restrizioni alimentari, o persino terapeutiche, quando contrastano con quanto sta scritto nella Bibbia o nel Corano.

 

In America vengono sempre di più messe in discussione le teorie di Darwin. Rifacendosi anche a San Tommaso D’Aquino, anche chi riconosce che possiamo essere il prodotto di un’evoluzione, sottolinea che solo un Essere Supremo avrebbe potuto creare un universo perfettamente calibrato. Al che lo scienziato risponde sempre “e allora chi ha creato Dio?” Perché ogni Dio capace di disegnare un universo del genere deve essere un’entità supremamente complessa e altamente improbabile, la cui esistenza necessita di spiegazioni ancora più grandi di quelle necessarie a spiegare la nostra esistenza.

 

Ferraris. Credo appunto che il Disegno Intelligente sia semplicemente una formulazione reattiva. Se Darwin contrasta con la Bibbia, bisogna pur contrapporgli qualcosa di, per così dire, "biblicamente corretto". Ma a questo punto si apre il problema della teodicea, della giustificazione di Dio, e del male di cui diventa responsabile, se ha creato il mondo con un disegno intelligente. Perché ha creato un mondo in cui sono possibili terremoti, tsunami, malattie orripilanti e atroci? E, se questi eventi sono comunque soggetti a leggi fisiche su cui il creatore non può intervenire, una volta avviato il processo, perché comunque ha reso possibili i telegiornali di Emilio Fede, i romanzi della Tamaro e le canzoni di Al Bano? Quale Disegno Intelligente può aver concepito cose del genere?

 

Perché la Spagna ha potuto trasformarsi in un modello di laicismo mentre in Italia la parola “laicista” è quasi un insulto?

 

Ferraris. Perché in Spagna non c'è il Papa.

 

La Chiesa romana insiste nell’impedire ai chierici il matrimonio e quindi una vita sessuale normale. Ammette tra i denti che non si tratta di un “dogma”, ma non cede. Questo di fronte agli scandali americani sulla pedofilia e ai sempre più numerosi casi italiani. Non trovi che la rigida dottrina sessuale del Vaticano suoni sempre più assurda?  Sembra che l’unico modo per loro di sopravvivere in un’umanità che non capiscono è privilegiare il loro mondo di finzione alla realtà del mondo.

 

Ferraris. Io credo che l'umanità i preti la capiscano benissimo, direi quasi troppo bene, tanto son bravi a mestare nelle sue fragilità. E allora il comportamento della chiesa appare moralmente ingiustificabile,un obbrobrio. Non c'è crimine moralmente più abietto ("maxima debetur pueris reverentia"), psicologicamente più devastante e socialmente più rovinoso della pedofilia, e la chiesa è sistematicamente coinvolta in questo crimine. E Ratzinger a suo tempo aveva dato istruzione ai vescovi di mettere a tacere il più possibile i casi che emergevano (e che ora esplodono senza rimedio e perdono), aveva anche dato istruzione alle autorità ecclesiastiche di avviare indagini precedenti e preventive rispetto a quelle delle autorità civili, coprendo i crimini... Ora, per i suoi peccati, per i peccati dei suoi preti e le decisioni dell'allora prefetto della dottrina della fede, la chiesa è sommersa dai debiti e dagli scandali, eppure il prefetto, ora Papa, osa affacciarsi all'Angelus e tuonare contro le infrazioni della legge di natura nell'etica sessuale dei laici. Visto che questo è un giornale rock, vorrei ricordare un verso di Dylan in Master of The war: "Persino Gesù non vi perdonerà quello che avete fatto".

 

Il mondo non sarebbe un luogo decisamente migliore se la morale predicasse soltanto di fare del bene al prossimo senza il contorno di “ossessioni religiose” sui peccati della carne e le tentazioni del piacere sessuale?

 

Ferraris. Non lo so, nessuno può dirlo, credo, l'umanità è una strana cosa, e soprattutto una cosa complicata e spesso irrazionale. Ma questo non toglie nulla allo sdegno per i peccati cui hanno ceduto troppo spesso persone che si ammantano del titolo, in fondo derisorio, e davvero ben trovato, di "pastori d'anime".

 

02:48 PM - Apr. 14, 2007 - commenti {0}


Cattolicesimo alla tedesca

di Giandomenico Bonanni

 

Il Riformista, 27 febbraio 2007

 

All’indomani dell’elezione di Joseph Ratzinger, la Bild-Zeitung pubblicò in prima pagina una grande foto del nuovo pontefice, titolando a caratteri cubitali: «Wir sind Papst!», siamo diventati Papa. Che era un po’ come dire: siamo campioni del mondo. Invece della coppa abbiamo vinto la tiara. Un amico protestante, antipapista convinto, ha incorniciato la pagina e l’ha appesa in cucina, come se fosse una caricatura dei tempi di Lutero. Non tutti i suoi ospiti la trovano divertente. Per i tedeschi Benedetto XVI è una star internazionale della quale andare fieri. Un Beckenbauer coi mocassini rossi al posto degli scarpini. Uno Schumacher che sfreccia in papamobile. Insomma, un prodotto da esportazione che conferma la qualità del made in Germany. L’ascesa di Ratzinger al soglio pontificio è stata interpretata come un vero e proprio passaggio epocale soprattutto dagli esponenti di quel neoconservatorismo tedesco definito Neue Bürgerlichkeit, nuovo stile borghese. Un movimento costituito per lo più da giornalisti e intellettuali disorientati che tentano di prendere le distanze dai costumi e la mentalità dei genitori sessantottini. E che da un paio d’anni a questa parte provano disperatamente a riportare in auge scuole di ballo, feste di fidanzamento e corsi per imparare le buone maniere.

Altro che ritorno della religione, altro che atei devoti. Per ora, i nuovi compagni di strada dei cattolici tedeschi non sono neanche devoti: sono solo atei incuriositi da un fenomeno mediatico. Il fatto è che in questo paese i conflitti religiosi hanno fatto troppi danni e la gente ha imparato a diffidare delle contrapposizioni in materia di fede. O meglio: ha imparato a conviverci. In alcune chiese del Baden si vedono ancora i segni dei muri divisori innalzati in seguito alla riforma. Cattolici e protestanti continuarono per decenni a frequentare le stesse parrocchie, ciascuno nella sua metà, come dei separati in casa. Una ferita profonda, non ancora del tutto sanata, che nel lungo periodo ha finito per indurre buona parte dei tedeschi ad allontanarsi da una religione percepita più come fattore di instabilità e di conflitto che non di sicurezza. Ne sapeva qualcosa Bismarck, che temeva l’ingerenza della chiesa di Roma forse più dell’ostilità delle potenze straniere.

Oggi i cattolici in Germania sono 26 milioni, circa il 31 per cento della popolazione complessiva. Vivono soprattutto nel sud e nell’ovest del paese. Le differenze culturali sono grandi. I renani, per esempio, hanno ben poco da spartire con i bavaresi. Ma nell’insieme, si possono osservare tendenze comuni. Per esempio, i cattolici tedeschi non sono praticanti. Secondo i dati della conferenza episcopale tedesca, il numero dei fedeli che vanno a messa diminuisce di anno in anno: nel 2005 erano solo il 14 per cento. Battesimi, matrimoni e funerali religiosi sono in calo. Il sistema fiscale tedesco, che prevede una tassa da destinare alla comunità religiosa di appartenenza con la dichiarazione dei redditi, favorisce una lenta emorragia di persone che abbandonano la chiesa per ragioni economiche. Soprattutto per chi ha un reddito alto, non pagare la Kirchensteuer significa risparmiare un bel po’ di soldi. 

I più attivi, tra i cattolici di base, sono i nuovi eretici del movimento Noi siamo chiesa. Partiti nel 1995 con un manifesto per il rinnovamento del cattolicesimo, hanno raccolto due milioni e mezzo di firme solo nei paesi di lingua tedesca. Chiedono che i vescovi siano eletti direttamente dai fedeli, che le donne possano diventare sacerdote, che il celibato obbligatorio per i preti e il proibizionismo in materia sessuale vengano aboliti. Vorrebbero, insomma, poter conciliare la fede e la vita, senza sotterfugi, complessi di colpa e ipocrisie. Ratzinger li conosce bene, perché si è dovuto occupare di loro da Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede. Ma finora non ha voluto neanche riceverli. Prima o poi, però, dovrà decidere se intende ascoltare la voce di chi ancora crede o continuare ad alimentare nuove forme d’idolatria.

 

10:51 AM - Mar. 19, 2007 - commenti {3}


Last Page Next Page


Maurizio Ferraris
Babbo Natale, Gesù adulto
In cosa crede chi crede?

Bompiani, pp. 151, Euro 11.00
<%'Calendar%>
Links
Sito di Maurizio Ferraris
Babbo Natale, Gesù Adulto

Tutti gli interventi
- Adunate oceaniche
- Come volevasi dimostrare
- Enterprise
- Babbo Gesù
- Cattolicesimo alla tedesca
- I Francesi sono sempre meno cattolici
- Il pensiero forte della Cei
- Se il Dio di Ruini diventa di destra
- L’emisfero dell’esoterico
- Il Cattolicesimo come forma d’arte
- Una religione identitaria
- L'Indice puntato
- Turchetto integrale
- Chi ha paura della teologia?
- Romolo e Remolo
- Babbo Natale - Errata corrige
- Presentazioni di Babbo Natale
- Vino rosso per Hegel
- Tutto il mondo è paese
- Voltaire, Dizionario Filosofico. Voce “Fede”
- Confessionale interattivo
- Riceviamo e volentieri pubblichiamo
- Rescogitans
- Pareyson, Vattimo e Francesco Giuseppe
- Cattolicesimo politico
- Londra: Babbo Natale non esiste
- Maria Vergine, Cantalamessa cade dalle nuvole
- God’s Total Quality Management Questionnaire
- Carminati ha visto la Madonna
- Scherzi da prete
- Gesù e Babbo Natale
- La fede di Saul Bellow e quella di Charles Manson
- Sarcasmo violento e bieco affetto
- "È così, è ciò che vedi, non può essere altrimenti"
- Renne e fede
- In fede e in malafede
- L'avvenire raglia
- Ermeneutica e verità
- Preferisco la fede di Agostino
- Quali cattolici?
- L'Ateo Economico

Statistiche


Feed (RSS)
[http://spazioblog.it/rss.php?w=babbonatale]